Chimenti Iacopo detto Da Empoli – La famiglia di Adamo

150.000,00 

Jacopo Chimenti detto “Da Empoli”

(Firenze, 1551 – 1640)

 

La famiglia di Adamo 

(1570 ca)

 

olio su tavola

cm 101,5 x 77,5

Descrizione

Notizie storico – critiche: l’opera è stata notificata dal Ministero per i Beni Culturali. Secondo la relazione storico – artistica allegata al decreto di apposizione del vincolo, l’impostazione del dipinto del Chimenti deriverebbe da una fortunata composizione inizialmente realizzata da Fra Bartolomeo, in seguito ripresa dal Bachiacca e da altri artisti. L’opera sarebbe da collocare, come evidenziato dagli studiosi, nella fase giovanile del pittore appena affrancato dal suo maestro Maso, come si evince soprattutto dalle forme tornite e ancora impacciate – che l’artista perderà in seguito – a loro volta derivate da uno studio delle opere pontormesche.

Come evidenziato dallo storico dell’arte Alessandro Marabottini, autore della perizia, esisterebbero almeno due versioni dell’opera in questione, che si differenziano tra loro per alcuni particolari quali il trattamento cromatico e la definizione del paesaggio; l’Empoli era infatti solito replicare i suoi quadri (gli esempi citati da Marabottini riguardano, ad esempio, lo Scherno di Noè, di cui esistono sei versioni; quattro del Sacrificio di Isacco, quattro dell’Annunciazione in Santa Trinita). 

 

Perizia: Alessandro Marabottini; relazione storico – artistica firmata dal Dr. Alessandro Cecchi, Dr. Lucia Monaci e Dr. Marilena Tamassia.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Chimenti Iacopo detto Da Empoli – La famiglia di Adamo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.