Cap ou pas cap?

ico-where.png

SPAZIO BIG SANTA MARTA

Via Santa Marta, 10 - Milano

ico-when.png

Dal 10 maggio
al 31 maggio 2022

ico-time.png

Lunedì - Mercoledì: 10:00 - 18:00
Giovedì- Venerdì: 10:00 - 20:00

LOGO IUBA.png

  La mostra

Spazio Big Santa Marta per l’occasione presenta la mostra fotografica: Cap ou pas cap?

Cap ou pas cap? si propone come manifesto della nostra contemporaneità, un tentativo di esprimere la libertà della natura umana contrastata da ipocrisie, travestimenti e maschere dietro alle quali ci nascondiamo. Il cuore delle rappresentazioni sono le emozioni che nascono per sfida, per protesta: un moto di ribellione che vuole rappresentare con un dinamismo spontaneo le nostre molteplici gabbie mentali.

 

I due artisti, la performer Iulischca ed il fotografo Douglas Bassett, in arte IUBA, si sono identificati nella condivisione di valori culturali ed artistici che li rappresentano. Questo connubio avvia un percorso  comune con l'obiettivo di sperimentare, scambiandosi a volte i ruoli, per interpretare al meglio i nostri contesti vitali, sociali e ambientali poiché "è impossibile capire quello che si prova davanti ad una fotocamera se, per prima non sono io stesso a farmi fotografare " afferma il fotografo ed “è impossibile farsi fotografare se non si è consapevoli del significato complessivo da dare all’immagine” sostiene la performer/modella.


Questa mostra vuole essere un viaggio sperimentale e si propone dal punto di vista espressivo attraverso un linguaggio che a volte interpreta i movimenti artistici del '900 e della nostra contemporaneità e che possono ricordare il cubismo come anche la pop art. Inoltre si propone come innovativa deviazione da un puro e banale nudismo, grazie a delle tecniche fotografiche di sovrapposizione che tendono a dare allo spettatore una lettura dinamica che Douglas Bassett sta già sperimentato dal '99, vantando ormai una collezione che raggruppa oltre 6.000 fashion shows sotto il nome di #theartofbackstage. 


IUBA ha trovato un legame intellettuale e creativo che indaga una nuova e cruda espressività che a volte esprime forme espressive improntate al cinismo se non alla perversione intesa come depravazione morale. Infatti Bassett ritrae e rappresenta nel suo linguaggio estetico la frivolezza, la superficialità, gli equivoci estetici e strutturali della nostra società e una preoccupante “assuefazione” che ci ha anestetizzati e che rende tutti noi niente più che “spettatori paganti”: un equivoco non solo estetico.         

Iulischca interpreta e sprigiona una sensualità spesso mimetizzata e a volte sfacciata, sempre in linea con la complessità della nostra contemporaneità; esprime una frammentazione caleidoscopica che rappresenta le nostre contraddizioni ed i nostri misteri (mille facce, nessuna vera e nessuna falsa).


Nei due artisti, insieme alla soddisfazione dei traguardi raggiunti, convivono altresì ombre e dubbi in una mescolanza emotiva, e vorrebbe essere proprio questo l'elemento che suscita curiosità e interesse e che vorrebbe allenare l'occhio dello spettatore nella ricerca di trovare il nesso tra i molteplici elementi artistici; è quindi una sfida che cerca di coinvolgere lo spettatore con l'invito ad assaporare il nudismo nell'accezione della provocazione contro ipocrisie e conformismi proposta sotto forma di gioco multiforme ed ironico: il  tentativo di annullare la volgarità spesso esibita nella nostra contemporaneità sottraendola ad una certa banalità che spesso maschera forme di perversione.

 

Cap ou pas cap? rappresenta le nostre titubanze e paure e le trasforma in energia creativa ed in momenti di sfida capace di spingersi oltre alla loro realtà quotidiana. L'itinerario artistico è radicato nella cruda libertà dove maschera e danza sprigionano la spiritualità compulsiva dell'essere umano.

I due artisti, in questa alternanza dei ruoli e nella ricerca di individuare il nesso degli elementi artistici, interpretano una dialettica che è luci ed ombre, vittoria e sconfitta, ed una tensione emotiva che è continua sfida; una sfida questa che indaga l’ipocrisia sociale e le violenze psicologiche, il nudismo nell'accezione di IUBA.

 

Spazio Big Santa Marta, via Santa Marta 10, Milano. 

Tel: + 39 02 82870740 - mail: bigspazio@gmail.com